CERTIFICAZIONI

La Centrale del Latte di Torino è stata la prima azienda in Italia nel settore del trattamento del latte ad aver ottenuto nel 2009 la Certificazione UNI EN ISO 22000, la norma più aggiornata e restrittiva per la sicurezza alimentare a tutela del consumatore.

Nel 2017 l’azienda ottiene la Certificazione FSSC 22000 ed in tal modo assicura che i pericoli per la sicurezza alimentare siano identificati, valutati e controllati; comunica le informazioni appropriate relative alla sicurezza alimentare correlata ai propri prodotti attraverso tutta la filiera alimentare (dal produttore della materia prima fino al consumatore finale); comunica trasversalmente all’interno dell’organizzazione tutte le informazioni riguardanti lo sviluppo, l’attuazione e l’aggiornamento del sistema di gestione per la sicurezza alimentare nella misura necessaria a garantirla; rivaluta e aggiorna quando necessario il sistema di gestione per la sicurezza alimentare per assicurarne l’aderenza alle attività svolte dall’organizzazione stessa e aggiornarlo con le informazioni più recenti sui pericoli per la sicurezza alimentare.

Centrale del Latte di Torino ha inoltre ottenuto nel corso degli anni:

  • – la Certificazione UNI EN ISO 22005_2008 relativa alla rintracciabilità nelle filiere agroalimentari;
  • – la Certificazione UNI EN ISO 14001_2015;
  • – la Certificazione UNI EN ISO 9001_2015;
  • – il Certificato di conformità alla produzione e commercializzazione di latte e altri prodotti da Agricoltura Biologica;
  • – la Certificazione di filiera del latte proveniente da bovine allevate in Piemonte e in possesso del genotipo con variante allelica A2A2.
  • – la Conformità al codice ETI, valutata secondo il protocollo SMETA 4 Pillars

 

Una delle recenti e importanti certificazioni ottenute dall’azienda è stata la certificazione di filiera latte fresco a AQ proveniente da allevamenti piemontesi in possesso di attestazione sul Benessere animale che garantisce alle mucche una vita ispirata alle 5 libertà fondamentali (dalla fame e dalla sete, dal disagio ambientale, da dolore, ferite e malattie, libertà di esprimere comportamenti naturali e libertà da stress e paura).